Magreta Ristorante a La Maddalena

Magreta Ristorante a La Maddalena

Ristorante
Magreta

magreta-ristorante-a-la-maddalena

Ristorante Italiano Pizzeria Magreta

di
Enrico Mauro Marini
e
Adriano Greco

Via Giuseppe Mazzini 2/4
07024 La Maddalena (OT)

email: stgsrl@gmail.com

prenotazioni: 339 4553011380 31421450789 738477

facebook: @ristorantemagreta.lamaddalena

instagram: @ristorante_magreta

Il Ristorante Magreta partecipa al contest “Food for Change: A Tavola con Garibaldi” nell’ambito di Giugno Slow 2021 a La Maddalena.

Il menù del nostro chef Gaetano Porpe, trae spunto da piatti di tradizione siciliana, per omaggiare la visita di Garibaldi in Sicilia: il cannolo salato, il cui ripieno racchiude due degli alimenti preferiti da Garibaldi come il baccalà ed il pecorino, accostati alle fave, agli agrumi e ai gamberi crudi (che lo stesso amava gustare ancora gocciolanti d’acqua salata); un tipico formato di pasta che lo stesso Garibaldi si dilettava ad assemblare con le sue mani, come il raviolone, ma con impasto speziato al cacao amaro (che gli veniva inviato spesso come omaggio), ripieno di ricotta agli agrumi e scampi locali; per concludere non poteva mancare un dessert a base di anguria con latte di mandorle (da cui l’eroe ricavava l’orzata a lui molto gradita), arance candite e pistacchi (tutti frutti che Garibaldi coltivava nei sui orti), con decorazione di caffè (di cui utilizzava i fondi per scurirsi la barba)

ANTIPASTO:
Cannolo salato con mousse di baccalà e pecorino sardo, con agrumi canditi e pistacchi, gambero locale crudo con scorza di lime su crema di fave
Una rivisitazione salata del tipico cannolo siciliano, originariamente realizzato con pezzi di canna di bambù usati per soffriggere i dischi di pasta. Nel ripieno l’accostamento del baccalà (che veniva portato ogni giorno dalla Francia) con il pecorino sardo crea un connubio di sapori unico e molto interessante, decorato con agrumi canditi al marsala (Garibaldi usava il Marsala per annaffiare le arance tagliate a fette con un po’ di zucchero) e pistacchi; il cannolo è accompagnato da un gambero locale crudo (che lo stesso amava gustare appena pescati, conditi con il solo sapore del mare) adagiato su una crema di fave, ortaggio sempre presente nell’orto dell’eroe.

Costo Antipasto €: 12,00 €

PIATTO PRINCIPALE:
Raviolone al cacao amaro, ripieno di ricotta profumata agli agrumi su salsa di scampi locali
Come raccontato dalla primogenita Clelia, Giuseppe Garibaldi faceva personalmente la pasta casereccia ed un formato a lui molto gradito erano i ravioli di ricotta; ecco quindi un raviolo al cacao amaro (ingrediente di cui spesso Garibaldi veniva omaggiato), con ripieno di ricotta (prodotto immancabile sulla sua tavola, grazie agli allevamenti di ovini e caprini che lo stesso Garibaldi seguiva con dedizione) aromatizzata agli agrumi, abbinato con una salsa di scampi locali ottenuta sia dalla polpa dei crostacei che dal loro carapace, utilizzato per una bisque dal sapore intenso

Costo Piatto Principale €: 15,00 €

DESSERT:
Gelo di anguria con latte di mandorla e chicchi di caffè con scorza di arancia candita e pistacchi.
A conclusione di un pasto con Garibaldi ecco un dolce dagli ingredienti estivi: un gelo di anguria e latte di mandorla con una nota croccante dei chicchi di caffè e dei pistacchi, e le scorze di arancia tipiche della tradizione siciliana.

Costo Dessert €: 8,00 €

Costo totale : 35,00 €

VINO IN ABBINAMENTO:

Vermentino superiore di Gallura Cantina Sa Raja
Un bianco fresco, sapido e fragrante, che interpreta perfettamente il carattere solare e ventoso del nord della Sardegna. È il vino che meglio intrepreta e racconta lo spirito autentico dell’isola, le sue tradizioni e la sua antica storia. Si presenta con una luminosa veste giallo chiaro brillante. Il profilo olfattivo è iodato e marino, con profumi di scorza d’agrumi, di lime, sfumature di zagara, di fiori d’acacia, di erbe aromatiche della macchia mediterranea, su un morbido sottofondo di fragrante frutta a polpa bianca, impreziosita da morbidezze di frutta tropicale. Morbido e armonioso, ha un sorso connotato da una nitida vena sapida e da un frutto maturo e ricco, che sfocia in un finale persistente e di grande equilibrio gustativo. Si abbina perfettamente con piatti a base di crostacei sia crudi che cotti.

Vermentino di Sardegna Lintori Cantina Capichera
Un vino bianco di medio corpo, ricco e minerale. Intensi sentori aromatici, di mela, frutta esotica ed erbe, spiccano da un profilo fresco e piacevole, sostenuto da una buona sapidità, con sfumature agrumate. Il profumo di questo è intenso e si articola in sentori di frutta gialla matura e una punta di agrume, con la tipica macchia mediterranea distintiva della varietà. Il gusto è definito da freschezza e sapidità, conseguenza diretta del suolo di provenienza. Ritornano chiaramente il frutto e l’agrume, in un finale
piacevolmente persistente. Lintòri è un vino che riporta fedelmente il territorio della Gallura, attraverso il suo carattere tanto generoso di profumi e sapori, quanto forte e ricco di personalità.

Angialis Cantina Argiolas
Un vino Passito sardo ottenuto da uve stramature vendemmiate tardivamente, maturato per 12 mesi in barrique. Profumi incantevoli e complessi di frutta secca con note di miele, albicocca sciroppata, fichi secchi, finocchio selvatico e verbena, emergono da una tessitura densa, ricca, opulenta e molto elegante.
All’assaggio è avvolgente, vellutato, con un sorso decisamente rotondo, contraddistinto da un gusto lievemente sapido. ideale per essere sorseggiato alla fine dei pasti, in accompagnamento a dessert sfiziosi.

Costo del Vino : 35,00€ a bottiglia/ 6€ a bicchiere

Il 14 luglio si è conclusa la prima fase, caratterizzata dal voto popolare in presenza e online, del contest “Food fo Change: A Tavola con Garibaldi” e l’Organizzazione di Giugno Slow ha reso nota la lista dei ristoranti (questo ed altri 4) che passano alla fase finale, di valutazione da parte della giuria di qualità, .

Lunedì 19 Luglio la giuria di qualità è passata ad assaggiare i menù dei primi cinque classificati.

Il 21 luglio la Giuria di Qualità ha infine designato i vincitori.

Al primo posto il Ristorante Magreta!!!

Prodotti utilizzati nelle preparazioni

Pecorino sardo (antipasto) Fattoria Agnelli Tempio Pausania, Biologico;
Baccalà (antipasto, primo piatto, dessert) Ditta Poliartigiana s.r.l. Arcola (SP);
Agrumi (antipasto) Nuova Tharrosfruit S.R.L. Oristano, Biologico;
Fave (antipasto) Nuova Tharrosfruit S.R.L. Oristano, Biologico;
Gambero (antipasto) Ditta Spigola d’Oro La Caletta (NU);
Scampo (primo piatto) Ditta Spigola d’Oro La Caletta (NU);
Ricotta – Fattoria Agnelli – Tempio Pausania, Biologico;
Anguria (dessert) Ditta Stangoni Badesi, Biologico;
Mandorle (dessert) Nannai Legumi di Sardegna Tuili, Biologico;
Farine di grano (antipasto, primo piatto) Ditta Sardo Sole Cabras, Biologico

Scelte virtuose

Contrasto allo spreco: in tutto il menù vengono utilizzate le bucce degli agrumi sia come scorza cruda che come scorza candita, pertanto non si hanno scarti di questi frutti.
Nel primo piatto il carapace degli scampi viene utilizzato per ottenere una bisque, con uno scarto quindi pari a zero.
Incentivo all’utilizzo della doggy-bag
Utilizzo di prodotti di prossimità (entro 50 Km): pecorino sardo, ricotta, anguria

La rivoluzione comincia a tavola

…ogni rivoluzione parte da dei contest…attori… ecco i nostri: